venerdì 27 gennaio 2017

Il mito del minotauro nella Divina Commedia

Dante, per la composizione della Divina Commedia, ha attinto da un vasto repertorio di personaggi storici, personaggi a lui contemporanei e molte figure mitologiche. Interessanti sono quelli appartenenti al mito del minotauro, ovvero Minosse, Pasifae, Teseo e il mostro stesso.


Minosse

Minosse si trova nel II cerchio infernale, ovvero quello dei lussuriosi. Egli è il Giudice dei dannati. Avvolge la sua coda attorno al corpo del dannato tante volte quanti sono i cerchi che dovrà scendere
per trovare la sua collocazione. Viene citato anche da Guido da Montefeltro  (XXVII, 124-127) e da Griffolino d'Arezzo (XXIX, 120).

Inferno, V, vv 4-12                                                     Parafrasi

Stavvi Minòs orribilmente, e ringhia:                        Minosse sta orribilmente sulla soglia e ringhia:essamina le colpe ne l' intrata;                                   esamina le colpe dei dannati che si presentano;giudica e manda secondo ch' avvinghia.                  li giudica e li destina a seconda di come attorcigli la coda.Dico che quando l'anima mal nata                             Dico che quando l'anima dannata li vien dinanzi, tutta si confessa;                              si presenta davanti a lui, rende piena confessione; e quel conoscitor de le peccata                                  e quel conoscitore dei peccati vede qual loco d'inferno è da essa;                         stabilisce in quale zona dell'Inferno debba andare;cignesi con la coda tante volte                                   si cinge con la coda tante volte quantunque gradi vuol che giù sia messa.            quanti sono i Cerchi che il dannato deve discendere.





Pasifae


Pasifae, viene collocata  nella VII Cornice del Purgatorio, dove si sconta il peccato capitale della
lussuria. La regina, lussuriosa secondo natura per aver fornicato con una bestia, si contrappone ai sodomiti, lussuriosi contro natura.









Purgatorio, XXVI, 40-42                                    Parafrasi

la nova gente: «Soddoma e Gomorra»;                nuovi arrivati gridavano: «Sodoma e Gomorra»;
e l’altra: «Ne la vacca entra Pasife,                     e gli altri: «Pasifae entra nella vacca di legno,

perché ’l torello a sua lussuria corra».                 perché il toro corra a soddisfare la sua lussuria».


80-87

Nostro peccato fu ermafrodito;                            Il nostro peccato, invece, fu di natura eterosessuale; 
ma perché non servammo umana legge,               ma poiché non osservammo la legge umana,
seguendo come bestie l’appetito,                          seguendo come bestie l'appetito dei sensi, 

in obbrobrio di noi, per noi si legge,                      per nostra vergogna quando ci separiamo
quando partinci, il nome di colei                           gridiamo il nome di colei (Pasifae)

che s’imbestiò ne le ’mbestiate schegge.                che divenne una bestia nella falsa vacca di legno.

Il Minotauro

Scendendo dal VI al VII cerchio degli inferi, Dante e Virgilio si ritrovano in una impervia discesa. E' qui che incontrano il minotauro, che vedendo i due avventurieri viene preso dall'ira a tal punto da
mordere se stesso. Virgilio dice al minotauro che nessuno di loro è Teseo, l'eroe che lo uccise, e che non sono lì per istruzione di sua sorella Arianna. Dante, utilizza il minotauro come simbolo della violenza, di coloro che si sono abbandonati a istinti bestiali e hanno danneggiato il prossimo.

Inferno, XII, vv 10-21                                               Parafrasi

cotal di quel burrato era la scesa;                         così era la discesa di quel burrone infernale;
e ’n su la punta de la rotta lacca                             e proprio all'inizio del dirupo
l’infamia di Creti era distesa                                  era distesa la vergogna di Creta,            

che fu concetta ne la falsa vacca;                         che fu concepita nella finta vacca; 
e quando vide noi, sé stesso morse,                       e quando (il Minotauro) ci vide, si morse
sì come quei cui l’ira dentro fiacca.                       come colui che è sopraffatto dall'ira.          

Lo savio mio inver’ lui gridò: «Forse                  Il mio maestro gridò verso di lui: «Forse
tu credi che qui sia ’l duca d’Atene,                     credi che qui ci sia il duca d'Atene (Teseo),
che sù nel mondo la morte ti porse?                        che nel mondo ti procurò la morte?      

Pàrtiti, bestia: ché questi non vene                       Vattene via, bestia: infatti costui non viene
ammaestrato da la tua sorella,                              seguendo le istruzioni di tua sorella (Arianna), 

ma vassi per veder le vostre pene».                        ma va a vedere le vostre pene».


Teseo

Dante cita Teseo tre volte nel suo poema. Quando incontra il minotauro (vedi sopra); nel Canto IX
dell'Inferno, quando incontra le Furie, le quali si rammaricano di non aver respinto l'attacco di Teseo; infine, nel XXIV Canto del Purgatorio, viene ricordato come l'eroe che combatté contro i centauri, esempi di gola punita.

Inferno, IX, vv 52-54                                        Parafrasi

«Vegna Medusa: sì ’l farem di smalto»,            «Venga qui Medusa, così lo trasformeremo in pietra!»,
dicevan tutte riguardando in giuso;                     dicevano tutte guardando in basso; 

«mal non vengiammo in Teseo l’assalto»            «facemmo male a non vendicare l'assalto di Teseo!»

Purgatorio, XXIV, vv 121-123                         Parafrasi

«Ricordivi», dicea, «d’i maladetti                      La voce diceva: «Ricordatevi dei maledetti centauri 
nei nuvoli formati, che, satolli,                           nati da una nube, che, ubriachi,

Teseo combatter co’ doppi petti;                        combatterono Teseo coi doppi petti;